L’aria di novembre

Dall’odore della legna che brucia

al respiro di questo grigio

uniforme, lungo guance

aderite alla lana della sciarpa

di mutevoli colori

pensieri svelti, raggomitolati

su divani di pigrizia.

Utile l’ombrello: ripara

difende, esorcizza la pioggia

e diomio che umidità

nelle ossa il peso

lungo pareti di intonaco

dove anche la muffa

espande le sue spore

creando Picasso  degno d’autore.

Ai margini il mio fiato

stride con le foglie al passo

bocca chiusa e mente aperta

lungimirante la vista di ieri

ancora fiori nel giardino

di un’ultima estate

prima che svanisca

nell’humus di ricordi lontani.

Chiara

 

 

 

4 pensieri riguardo “L’aria di novembre

  1. Ciao Maria
    pensa io per entrare devo venire da te perché mi ricordo (maria34) invece se vado su chiaramarinoni.splinder org non mi fa entrare…boh, cliccando da te, invece, non so come, mi fa accedere. Ma non sempre riesco a farlo …quindi non ti preoccupare se mai ridiamo assieme??
    Un abbraccio
    Chiara

Rispondi a Kesho Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti