La partenza

Si lascia qualcosa

un saluto, un sorriso

magari di sfuggita.

Una parola che ricordo

allacciata a sospiri

ai lamenti

-volevo rimanere-

anche soltanto per riempire

il cuore sordo, chiuso.

Sapevo che il pianto

liberatorio avrebbe scavato

-volevo rimanessi-

senza sbavature

senza sotterfugi

soltanto per amarmi

come tu sai fare.

Come quando da bambina

mi consolavi con la bocca

e con le braccia mi stringevi

attorno al tuo amore

sento ancora le gemme

crescere e stringermi

nel palmo della tua mano.

Vita mia.

 

Chiara

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti